Quel che sembra è?

Sino da quand’ero pischello, ascolto Kenny Wheeler che ho sempre trovato gigantesco creativamente, era un jazz mitteleuropeo il suo, un modo di stare sul tempo per me davvero particolare e affascinante. Ancora oggi lo ascolto e penso che nessuno suoni come lui e nessuno scriva come lui, un gigante.

Poi molti anni dopo arriva il web e vedo il documentario della BBC che ci mostra un omino apparentemente triste, dimesso, schivo.

Se non sapessi chi è penserei si trattasse di un modesto impiegato delle Poste inglesi, un cinquantenne scapolo o meglio pinzo, come si dice in Toscana. Con quei pantaloni stirati male, le giacche tristi e il cappotto che gli pende addosso come un fico secco sul ramo.

Te lo immagini la sera, rientrare a casa e c’è solo il gatto che l’aspetta, entra, il felino subito tra le gambe affamato miagola, alza la coda.

Con gesti lenti, usuali appende il cappotto, accende la tv, gli fa compagnia, e mette dell’acqua sul fuoco per cucinare chissà quale scialba schifezza, il tutto in pantofole.

Dopo la triste e solitaria cena, si siede sul vecchio divano che ha il segno del culo e osserva disilluso lo scorrere delle immagini sul vecchio televisore, sopra un centrino ingiallito e un vaso con fiori di plastica.

Mezz’ora dopo dorme con la testa piegata, un filo di bava e il gatto che gli massaggia le cosce col classico tremore delle fusa.

 

Invece no, col cazzo!

E’ Kenny Wheeler, un mito, un mito vero, uno che ha scritto musica immortale ma così va in giro, se ne fotte.

E’ così che sono cresciuti quelli della mia generazione, con gente tosta, gente che alzava la testa e la schiena, gente che aveva il coraggio di scrivere quello che aveva avuto il coraggio di pensare.

I vestiti erano i panni, non c’era maschera, sul palco della musica e della vita, solo scene vere, rischiose a volte bene altre volte male, la vita in sostanza.

 

Ora è tutta plastica, persino il cibo, la fica e la cultura sono in rete e pare figo, democratico. Tutto alla portata di tutti “Venghino siori venghino”

 

In realtà è un mare di merda e per giunta finta, dal momento che non puzza nemmeno. Anche la merda vi hanno fottuto.

 

E quindi?

E quindi quando vedo gente che non vale una beneamata minchia che sale sui palchi preoccupata più del look che della musica, m’incazzo.

Poi attaccano a suonare e pensi che non è l’abito che fa il monaco…appunto.

Imparare ad essere non a sembrare, questo è l’esempio dei Kenny.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...