Scusi,Che c’entrano la musica e il sesso?

Paghiamo profumatamente politici che poi passano giornate a discutere se mettere o no un aumento in busta paga dipendenti (12 euro al mese), mettere o no un aumento nelle pensioni minime (4 euro al mese). Questo, ovvio, per adeguare gli stipendi alla crisi ed all’aumento del costo della vita.

Poi ci fanno sapere che hanno fatto il culo alle “superpensioni” oltre i 100.000.00 euro (al mese…) preleveranno una percentuale variabile ma, attenzione i 100.000.00 rimangono intonsi, la percentuale prelevata va solo sulla cifra che eccede i 100.000.00…

Tutto questo fa davvero venire voglia di vomitare, fa girare la testa, fa pensare “ora esco, mi compro un macete e faccio un casino, in do cojo cojo…”

Questo è un governo che se pur raccattato e miscelato con cattivi ingredienti ha pur sempre a capo un tizio che si dichiara di Sinistra (Letta) ma che tutti vedon bene, essere un vecchio democristiano. Il classico borghesotto ben vestito, educato, cattolico, insomma uno di quelli che quando ti sodomizzano ti mettono l’anestetico ma comunque ti sodomizzano.

Landini, uno che viene dalla fabbrica,un uomo onesto, uno dei migliori uomini che abbiamo è invece relegato a fare il sindacalista, quello che “difende solo una parte” quando si vede bene che potrebbe fare del bene a tutti, indistintamente.

Che c’entra la musica? Beh c’entra eccome, perchè come al solito “se la cantano e se la sonano” in bella autonomia, senza che noi possiamo dire o fare nulla, siam qui’ ad aspettare, a boccheggiare con l’acqua arrivata ormai oltre la gola, a fare i conti con il minimo giornaliero per sopravvivere, con i carrelli della spesa dei più che oramai contengono solo pasta (di quella a 50 centesimi al Kg) assolutamente  banditi: carne, pesce, vino, dolciumi, frutta, e cazzi vari per non parlare del vestiario e delle scarpe, oramai acquistate solo nei mercatini rionali a pochi euro e talvolta pochi centesimi, tutta roba sicuramente prodotta in Cina et similia e quindi contenente componenti cancerogeni e cose del genere ma non va sempre male, talvolta compri delle scarpe a 10 euro (quelle che ti puoi permettere)che non hanno componenti chimicamente dannosi, però ci cammini e ti fanno male e allora ti fermi un attimo le guardi e vedi che una è cucita bene ma l’altra ti fa piegare il piede a sinistra il che influirà sulla tua salute e non solo sul “look”….

Bandite anche medicine e visite specialistiche mediche (troppo costose)Quindi se hai un dolore allo stomaco aspetti e speri non sia il cancro ma solo gastrite, se poi sarà cancro pace, tanto la sanità pubblica ti ricovera aggratis e quindi almeno muori con le lenzuola pulite…

Potevamo suonare, ad ieri, guadagnarci un pò di pane (solo pane occhio) ma oggi ci hanno usurpato pure quello perchè “loro” al posto nostro “cantano e sonano”

Siamo un popolo anestetizzato, il nostro deretano è oramai talmente sbranato che non avvertiamo più alcun dolore nelle ripetute penetrazioni.

Oramai siamo ad un livello talmente basso (economicamente e soprattutto  culturalmente) che si può di nuovo inneggiare al fascismo e al nazismo e qualcuno può anche dire che le camere a gas dei lager nazisti servivano per disinfettare chi vi capitava dentro…

Gli Ebrei, i Gay, gli Zingari oggi non ci stanno più a farsi “disinfettare” ma per fortuna abbiamo nuova merce fresca, barcate di “sporchi negri” che potranno essere legna per i nostri forni.

Vediamo dove finiremo ma la cosa butta male.

Annunci

Nuove miserie

C’erano navi che dall’Africa e dalle isole del Pacifico portavano schiavi, questi schiavi contribuirono a fare quella che oggi si chiama in gergo popolare America, i discendenti di questi schiavi oggi sono segregati in tutti gli Stati Uniti,poi fu la volta di milioni di Italiani, sporchi, poverissimi, incolti, emigrarono in ogni parte del pianeta, oggi sono 60 milioni questi Italiani emigrati, una parte di questi esportò la mafia in varie parti del globo, Chicago oggi è una megalopoli in mano al malaffare di matrice Italica. Molti anni fa, la città di Prato iniziò un declino mostruoso nell’economia della città che era basata sui filati e i tessuti. Arrivarono per fortuna i primi Cinesi che presero in affitto centinaia di capannoni industriali pagando affitti talvolta spropositati, ai Pratesi non sembrò vero, oggi gli stessi Cinesi non piacciono più, si son fatti “furbi”.

Al sud Italia si raccolgono frutta e verdura con la manovalanza di orde di disperati Africani pagati come noi lo eravamo nel 1800 e fatti vivere come topi in baracche di cartone e senza acqua e servizi igienici, nell’evoluto e civile nord Italia, specialmente in Veneto, altre orde di disperati Africani, Indiani Cingalesi e Filippini, sono spesso sfruttati e sottopagati, nell’evoluto (e cattolico) e civile Nord.

Poche ore fa una tragedia annunciata, l’annegamento di tantissime persone nel mare di Lampedusa, il Mediterraneo, il mare culla della civiltà Greca, il mare che bagna i paesi che hanno creato la Filosofia, il mare di Troia, Cartagine, Atena, Roma, pilastri della nostra storia.

Questo accadimento però vede infastidita molta gente “benpensante” questi “negri” che vengono ad affogare nel posto dove io ad Agosto porto i bimbi al mare, che sconcezza questi popoli sottosviluppati.

Come disse un ragazzo Africano in lacrime “Noi Africani abbiamo lavorato 300 anni senza prendere soldi…” riferendosi ovviamente alla vecchia e nuova schiavitù.

Invece noi occidentali, scaltri, eruditi, evoluti, eredi di Platone, do Socrate di Dante, da loro, dall’Africa e dal terzo mondo in generale abbiamo preso e continuiamo a prendere di tutto, materie prime e schiavi a costo ridicolo.

Peccato, davvero peccato che anche di fronte a tragedie come questa di Lampedusa, la memoria ci faccia difetto e non si riesca ad avere un rigurgito di dignità e chiederci “Ma quello che stiamo facendo a questa gente è giusto?” Se su quelle barche, sudicio, affamato, disperato ma anche ingenuamente speranzoso, ci fosse mio figlio, mi sembrerebbe ancora giusto?

A che cosa ci sono  serviti secoli di Filosofia, Biblioteche famose in tutto il mondo e stracolme di sapere se poi il nostro cuore è duro come l’alabastro e se il nostro senso di cosa è giusto e cosa è assolutamente inaccettabile fanno pena?